Il ribilanciamento di portafoglio è una pratica legata all’approccio buy and hold (acquista e mantieni) e alla costruzione di Lazy portfolio (portafogli pigri).

Il concetto di base del portafoglio acquista e mantieni è quello di evitare un’eccessiva movimentazione, definendo all’inizio un’allocazione patrimoniale strategica da seguire nel corso degli anni.

Senza modificare il vostro portafoglio, la sua struttura tenderà a cambiare col passare del tempo. Ciò è dovuto alle variazioni di mercato delle singole posizioni che possono portare ad una significativa differenza rispetto al vostro portafoglio inizialmente pianificato. Questo fenomeno può essere gestito tramite il ribilanciamento periodico, dove le posizioni in utile saranno vendute e quelle con minor utile o in perdita, acquistate. Ciò riporterà il vostro portafoglio all’allocazione patrimoniale iniziale.

esempio di Modifica dell’asset allocation di un semplice portafoglio 50/50 obbligazionario azionario

Fonte: Ricerca di justETF

Il portafoglio preso come esempio, registra un forte aumento pari al 52% della quota azionaria, mentre la quota obbligazionaria è cresciuta solo del 9%, da una distribuzione 50/50 si è passati ad una distribuzione 58/42. Come potete vedere dal grafico, la quota azionaria mostra una maggiore variazione o volatilità rispetto alla quota obbligazionaria. Ovvero equivale ora ad un rischio complessivo più elevato del vostro portafoglio rispetto a quanto stabilito.

Il ribilanciamento porta il portafoglio ad una distribuzione 50/50. Nel caso del portafoglio campione, si vendono quote del portafoglio azionari e si acquistano quote del portafoglio obbligazionario.

Perché è importante ribilanciare?

Controllo del rischio

Così come accade per l’economia, i mercati azionari attraversano periodi di crescita e periodi di recessione. Nel nostro esempio, la distribuzione azioni obbligazioni tendeva chiaramente verso l’azionario. In periodi di crisi finanziaria e di recessione un maggior peso azionario rispetto al portafoglio iniziale ha una esposizione alle perdite maggiore rispetto all’allocazione iniziale 50/50. Il ribilanciamento aiuta a tenere sotto controllo il vostro livello di rischio.

Decisioni di investimento anticicliche

Il ribilanciamento di portafoglio tende a fare acquisti e vendite in modo anticiclico. Questo significa che si riducono le posizioni in azioni quando i mercati sono in salita mentre aumenterete le posizioni in prodotti azionari quando i mercati sono in discesa. Questa semplice strategia porterà a un miglior rendimento di lungo termine.

Disciplina

Le variazioni di portafoglio che si basano sulla strategia del ribilanciamento, eliminano la necessità di pensare a comprare e vendere al momento giusto. Sono infatti i prezzi dei mercati e il tempo che ci indicano di cambiare i pesi del portafoglio.

Ribilanciamento dei flussi di cassa 

Accanto al classico ribilanciamento di portafoglio con operazioni di acquisto e vendita, in presenza di nuove risorse finanziarie si effettua un ribilanciamento dei flussi di cassa. In questo caso si ribilancia il portafoglio

semplicemente con un apporto di nuovo capitale eseguendo delle operazioni di solo acquisto in modo da evitare l’impatto della tassazione sulle vendite.